Mozzarella adulterata, plauso alla magistratura e alle forze dell’ordine

Legambiente:  i “truffatori della bufala” non possono avere cittadinanza nelle terre delle mozzarella dop.

“Plauso alla magistratura e alle forze dell’ordine, i “truffatori della bufala” non possono  avere cittadinanza nelle terre della mozzarella di dop. L’attività della magistratura, il rigore dei controlli delle forze dell’ ordine  sono le garanzie imprescindibili per tutelare la salute dei cittadini e salvaguardare e tutelare uno dei compartimenti economici piu’ importanti del simbolo del made in Italy”. In una nota Legambiente Campania commenta e l’operazione del Nucleo Agroalimentare e dal Comando provinciale di Caserta del Corpo forestale dello Stato, in esecuzione di un’ordinanza cautelare emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

‘La mozzarella – aggiunge Legambiente – è  uno dei capisaldi della nostra gastronomia e l’ operazione odierna è’ il modo migliore per tutelare e garantire i produttori seri . Proseguire su questa strada, e’ necessario. Non abbassare la guardia continuare a denunciare chi con il loro operato e a volte avvalendosi della complicità proprio di chi sulla qualità di quelle merci dovrebbe vigilare,  danneggia la stragrande maggioranza degli allevatori e produttori seri e scrupolosi che operano in Campania. E’ questa la strada da seguire: la moneta buona che scaccia quella cattiva”.

Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.