Terra dei Fuochi, a che punto siamo?

A un anno dall’entrata in vigore della legge sulla Terra dei Fuochi, troppi ritardi accumulati. Poche analisi fatte sui terreni, progetti di bonifica assenti, nessuno risanamento delle falde e dati epidemiologici preoccupanti.
Legambiente: “Basta sottovalutazioni e rassicurazioni, serve un’accelerazione delle attività previste dalla legge. Urgente l’approvazione del ddl sugli ecoreati da oggi in Aula al Senato”

Rinascita e riscatto. È questo quello che chiede la Terra dei Fuochi, l’area a cavallo delle province di Napoli e Caserta simbolo e paradigma dei traffici illeciti di rifiuti e dell’estrema pericolosità dell’ecomafia. Una terra “martoriata” nella sua essenza più profonda ed ignorata per decenni. Nel 2014 arriva finalmente il decreto legge “Terra dei Fuochi”, convertito poi in legge il 6 febbraio 2014, per fronteggiare l’emergenza. Ma a un anno dall’approvazione della legge in questione, troppi sono i ritardi legati alla sua attuazione e denunciati oggi da Legambiente. Gli unici dati presentati dai ministeri delle Politiche agricole e forestali, dell’Ambiente e della Salute sullo stato di contaminazione nei 57 Comuni perimetrati (diventati nei mesi successivi 88), risalgono alla conferenza stampa dell’11 marzo 2014. I risultati delle indagini dirette sui terreni di 51 siti definiti “prioritari e maggiormente a rischio” in 7 Comuni non sono ancora stati resi noti, anche se i lavori sul campo sono stati conclusi e la pubblicazione dei risultati doveva essere fatta entro il 9 giugno 2014. In questi 57 Comuni ci sono ancora 1.335 siti potenzialmente inquinati su cui non sono state fatte ancora analisi dirette. Anche le bonifiche rimangano una chimera: nella maggior parte dei casi tali operazioni non sono neanche iniziate. Fino ad oggi non sono state previste neanche le attività di risanamento delle falde fortemente contaminate e nelle aree agricole, presenti in aree potenzialmente inquinate e vicine ad impianti di smaltimento rifiuti, non sono state attivate procedure di analisi e caratterizzazione. Inoltre non è stata eseguita nessuna attività nei 31 comuni che nel giugno 2014 sono stati aggiunti ai precedenti 57.

È quanto denuncia Legambiente nel dossier “Terra dei Fuochi: a che punto siamo”, presentato oggi a Caserta, con tutti i dati e le storie della mancata bonifica di una delle aree più martoriate del Paese sotto il punto di vista ambientale. Oltre ai fortissimi ritardi sul risanamento, l’associazione ambientalista ricorda come in questo territorio devastato dalle ecomafie continua il fenomeno dei roghi dei rifiuti che si aggiungono alle altre attività illecite connesse allo smaltimento illegale dei rifiuti. Inoltre, nonostante le rassicurazioni governative, i rischi sanitari sono sempre più evidenti. Secondo una ricerca condotta dall’Istituto superiore di sanità (Iss) ci sarebbe un eccesso di mortalità e di ospedalizzazione nella popolazione residente nei 55 comuni della Terra dei Fuochi  per diverse patologie tumorali e eccessi di bambini ricoverati nel primo anno di vita per tutti i tumori e di tumori al sistema nervoso centrale nella fascia di età 0-14 anni.

 

Articoli correlati

Approfondimenti
Acque in bottiglia, un’anomalia tutta italiana
#Acqua
Approfondimenti
Acque in bottiglia, un’anomalia tutta italiana
È un bene primario, vitale e da preservare. L’acqua,...
Approfondimenti
Mare Monstrum 2018
#Abusivismo
Approfondimenti
Mare Monstrum 2018
I nemici del mare e delle coste sono sempre gli stessi:...
Approfondimenti
Comuni ricicloni 2014
#Rifiuti
Approfondimenti
Comuni ricicloni 2014
In Campania sono 143 i comuni che hanno raggiunto la...
Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.