Ecosistema Scuola 2024: la sicurezza non abita nelle scuole campane

Giornata internazionale dell’educazione: Ecosistema Scuola

L’indagine di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica e dei servizi

In Campania indagine su 341 edifici dei capoluoghi di provincia

8 edifici su 10 non hanno collaudo statico

9 su 10 non hanno quello di agibilità

Migliore la situazione per la prevenzione incendi con 6 edifici su dieci che ne sono in possesso

Il 64% degli edifici scolastici monitorati necessitano di interventi di manutenzione urgente

Solo in 3 edifici su 10 effettuate indagini sui solai. Tutti i dati dei cinque capoluoghi di provincia

 

In Campania più di otto edifici su dieci non dispongono ancora del certificato di collaudo statico, in nove su dieci manca quello di agibilità, migliore la situazione per la prevenzione incendi con 6 edifici su dieci che ne sono in possesso. Gli edifici scolastici posti in zona sismica 1 sono 20, tra questi nessuno risulta progettato o adeguato alla normativa tecnica di costruzione antisismica, quelli in zona sismica 2 sono 323 e anche qui solo 8% è progettato o adeguato alla normativa. Sul fronte manutenzione straordinaria, gli edifici in cui si è intervenuti negli ultimi 5 anni sono il 67%, tuttavia non si è riusciti a soddisfare tutte le necessità visto che il 64% richiede interventi urgenti. Inoltre solo nel 32% degli edifici sono stati effettuate indagini diagnostiche sui solai

La sicurezza non abita ancora nelle scuole campane. È quanto fotografa Legambiente con Ecosistema Scuola in cui fa il punto, con dati riferiti al 2022, sullo stato di salute di 341 edifici scolastici in Campania frequentati da una popolazione di oltre 50mila studenti. L’indagine restituisce una fotografia di quanto le amministrazioni comunali, che hanno competenza sulle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, investono su politiche che intrecciano sicurezza e sostenibilità degli edifici con la diffusione di buone pratiche. Realizzata sui dati forniti dai Comuni capoluogo di provincia, è la ricerca annuale di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica, delle strutture e dei servizi messi a disposizione delle istituzioni scolastiche.

“Obiettivo della nostra indagine annuale è garantire scuole di qualità e sicure a tutte le ragazze e i ragazzi. E la strada da percorrere è ancora lunga e tortuosa – commenta Francesca Ferro, direttrice Legambiente Campania. Il grande nodo rimane la sicurezza delle scuole che, dall’osservatorio privilegiato dei 23 anni della nostra indagine, vede pochi e lenti miglioramenti che rischiano, in assenza di interventi diffusi e rapidi, di non superare mai il cronico stato di emergenza. Preoccupa che solo il 32 % degli edifici abbia effettuato indagini diagnostiche dei solai negli ultimi cinque anni e solo 11% abbia effettuato interventi di messa in sicurezza. Dati ancora insufficienti visto che parliamo di un intervento di fondamentale importanza per prevenire fenomeni di crollo, principale motivo di incidente e di pericolo per la vita di studenti, docenti e personale scolastico. Occorre – conclude Francesca Ferro quindi fissare obiettivi ambiziosi anche nella riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, invece di continuare con interventi parziali di miglioramento. E’ giunto il tempo di “alzare l’asticella della qualità”, con obiettivi e prestazioni da raggiungere che garantiscano davvero la sostenibilità ambientale e la salubrità degli edifici, la qualità indoor, il benessere e la salute.”

Scuola e ritardi della transizione ecologica: A livello regionale, nel 2022 nessun edificio è costruito secondo i principi di bioedilizia. L’efficientamento energetico, pur affrontato da alcune amministrazioni su un numero consistente di edifici di propria pertinenza, riguarda il 40% del totale degli edifici scolastici tra quelli realizzati negli ultimi 5 anni mentre solo il 21% degli edifici scolastici presentano la certificazione energetica. Questo a fronte di un dato sconfortante rispetto alla pressione del problema energetico: nessun edificio scolastico si trova in classe A, mentre ben il 73% in classe G. Nota positiva riguarda invece l’interesse delle amministrazioni (100%) a realizzare comunità energetiche scolastiche. Le scuole in cui è presente un servizio di mobilità collettiva, fattore che potrebbe migliorare molto la congestione delle nostre città, sono ancora solo il 3% per gli scuolabus e il 10% per le linee scolastiche.Sul fronte sicurezza, gli edifici scolastici posti all’interno di isole pedonale sono l’0,7%, in ZTL il 1,7%, in Zone 30 il 13,2%, in strade scolastiche il 2,1%. Gli edifici con impianti per lo sport (palestre, campi esterni, ecc.) sono il 63% ma solo il 28% degli edifici con impianti sportivi sono aperti in orario extrascolastico. E ben il 51% necessitano di interventi di riqualificazioni urgenti. Gli edifici scolastici con servizio di mensa scolastica sono il 50%. Dove presente, il servizio di mensa scolastica mostra situazioni di eccellenza. Il 100% dei Comuni prevede nei bandi di appalto la stagionalità degli alimenti e l’inserimento di menù alternativi per motivi religiosi e culturali, e la somministrazione di pasti biologici; rispetto ai pasti somministrati, la media di biologico nei pasti è del 81%.

“Sicurezza e sostenibilità – spiega Valentina Onesti, responsabile scuola Legambiente Campania – sono le parole chiave per progettare il futuro del cantiere scuola, gli obiettivi cui puntare per garantire la qualità e la vivibilità necessaria a favorire processi di formazione moderni in edifici sicuri. La vera sfida consiste nel promuovere un grande cantiere di innovazione, dove convogliare idee e risorse per progettare e realizzare spazi adatti a una moderna didattica, sicuri e accoglienti, sostenibili.”

 

I dati per le città capoluogo.

L’indagine per Avellino ha riguardato 27 edifici scolastici per una popolazione di circa 5000 ragazzi.  Tutti gli edifici sono in possesso di certificato collaudo statico, e certificato prevenzione incendi e certificato di verifica di vulnerabilità sismica mentre sono 14 quelli con certificato di agibilità. Sono 16 gli edifici che hanno goduto di interventi urgenti di manutenzione straordinaria negli ultimi cinque anni. Sono sei gli edifici scolastici che utilizzano fonti rinnovabili mentre negli ultimi cinque anni su 16 edifici sono state effettuate indagini diagnostiche dei solai e 11 sono stati messi in sicurezza. In tutte le 27 scuole si pratica la raccolta differenziata. Sono 16 gli impianti sportivi agibili presenti negli edifici scolastici. Sono 13 gli edifici scolastici dotati di un servizio di mensa scolastica con prodotti biologici e uso di stoviglie monouso.

Per Benevento l’indagine ha riguardato 20 edifici scolastici per una popolazione di circa 4600 ragazzi. Solo due scuole sono in possesso del certificato di collaudo statico e di agibilità mentre su 17 edifici che per legge richiedono possesso del certificato prevenzione incendi, solo tre ne sono in possesso. Su 19 edifici è effettuata la verifica di vulnerabilità sismica. Sono 18 gli edifici che hanno goduto, negli ultimi cinque anni, di interventi di manutenzione straordinaria mentre sono 15 quelli che necessitano di interventi urgenti di manutenzione straordinaria per adeguamento alle norme ed eliminazione rischi. In 19 edifici sono state effettuate indagini diagnostiche dei solai negli ultimi 5 anni. In tutti i plessi si pratica la raccolta differenziata mentre sono 15 gli istituti dotati di una rete wi-fi. Sei gli edifici che utilizzano fonti rinnovabili (solare fotovoltaico) mentre 10 edifici sono dotati di servizio di mensa scolastica con 13 punti con somministrazione pasti biologici e con prodotti a km 0.

L’indagine per Salerno ha riguardato 53 edifici scolastici per una popolazione di circa 10.000 ragazzi. Tutti gli edifici si trovano in zona sismica 2 ma solo tre sono in possesso del certificato di verifica vulnerabilità sismica, nessuno è in possesso di certificato collaudo statico e di agibilità. Su 53 edifici che per legge richiedono possesso del certificato prevenzione incendi, solo il 28% ne sono in possesso. Sono 45 gli edifici che hanno goduto di interventi urgenti di manutenzione straordinaria negli ultimi cinque anni. Su nessun edificio sono state effettuate indagini diagnostiche dei solai negli ultimi 5 anni. Tutti i 53 edifici scolastici indagati necessitano di interventi straordinari di manutenzione straordinaria per adeguamento alle norme ed eliminazione rischi. Il Comune non ha risposto ai questionari riguardanti le pratiche di raccolta differenziata nelle scuole, sulla mensa scolastica, sulle buone pratiche di utilizzo di energia rinnovabile.

Per Napoli l’indagine ha riguardato 208 edifici scolastici per una popolazione di circa 24 mila ragazzi. Il 53% degli edifici indagati sono in possesso della verifica di vulnerabilità sismica. Solo 11 scuole sono in possesso del certificato di agibilità, otto quello di collaudo statico. Su 130 edifici che per legge devono avere il certificato di prevenzione incendi meno della metà ne sono in possesso. Negli ultimi cinque anni su 68 edifici sono state effettuate indagini diagnostiche dei solai e in 20 sono stati realizzati interventi di messa in sicurezza. Sono 141 gli edifici che hanno goduto, negli ultimi cinque anni, di interventi di manutenzione straordinaria mentre sono 127 quelli che necessitano di interventi urgenti di manutenzione straordinaria per adeguamento alle norme ed eliminazione rischi, 97 riguardano interventi impiantistica, 72 adeguamento prevenzione incendio e 15 per dissesto statico. In 126 edifici di pratica la raccolta differenziata, 125 quelli coperti dal servizio di mensa scolastica, in 107 punti serviti da mensa scolastica si servono prodotti biologici con recupero del cibo non utilizzato donato ad organizzazione non profit. Solo nove gli edifici che utilizzano fonti rinnovabili (solare termico e solare fotovoltaico).

Per Caserta l’indagine ha riguardato 33 edifici scolastici per una popolazione di circa seimila ragazzi. Solo 7 scuole sono state eseguite verifica vulnerabilità sismica, 6 hanno certificato di agibilità. Negli ultimi cinque anni su 7 edifici sono state effettuate indagini diagnostiche dei solai e in 6 sono stati realizzati interventi di messa in sicurezza. Su 12 edifici che per legge devono avere possesso del certificato prevenzione incendi solo 2 ne sono in possesso. Sono 8 gli edifici che hanno goduto, negli ultimi cinque anni, di interventi di manutenzione straordinaria mentre sono 25 quelli che necessitano di interventi urgenti di manutenzione straordinaria per adeguamento alle norme ed eliminazione rischi e riguardano interventi di impiantistica e prevenzione incendi. In tutti gli edifici si pratica la raccolta differenziata, 24 edifici coperti dal servizio di mensa scolastica, con prodotti biologici. 

Articoli correlati

Articoli
Ricominciamo dalla Bellezza: diamo la parola ai giovani!
#Beni culturali
Articoli
Ricominciamo dalla Bellezza: diamo la parola ai giovani!
    Riscoprire la bellezza del territorio attraverso lo sguardo dei giovani per un processo di rigenerazione urbana sostenibile che nasce...
Articoli
Agroecologia circolare: dal campo alla tavola
#Agricoltura
Articoli
Agroecologia circolare: dal campo alla tavola
Promosso da Legambiente, il Forum Agroecologia circolare dal campo alla tavola ha come obiettivo quello di tracciare un percorso condiviso tra i...
Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.