Le mani della camorra sul settore agroalimentare

Una inchiesta coordinata dalla Dda di Napoli ha portato all’emissione di 24 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di presunti affiliati al clan camorristico Lo Russo che aveva il monopolio nella distribuzione del pane e imponeva ai supermercati il prezzo di vendita della merce.

Si tratta dell’ennesima conferma che le organizzazioni criminale “ce la danno a bere” – e “a mangiare” – grazie a infiltrazioni profonde e consolidate in vari comparti del settore agroalimentare. Sono tanti i prodotti alimentari che “puzzano” d’illegalità e di mafia.  Con ben 30 clan mafiosi censisti da Legambiente in questi anni con le “mani in pasta”.

A tavola è seduto il gotha delle  mafie: dai Gambino ai Casalesi, dai  Mallardo alla mafia di Matteo Messina Denaro, dai Morabito ai  Rinzivillo. E spesso i consumatori pagano un prezzo doppio: in termini di salute, ma anche di denaro, perché in molti casi è la criminalità organizzata a determinare il prezzo dei beni di prima necessità, sia a valle che a monte delle filiere.

 

Articoli correlati

Articoli
Premio Angelo Vassallo 2018
#Cittadinanza attiva
Articoli
Premio Angelo Vassallo 2018
Mobilità collettiva, strumenti innovativi a disposizione dei cittadini, lotta ai cambiamenti climatici con la promozione di fonti rinnovabili e...
Articoli
Puliamo il mondo
#Volontariato
Articoli
Puliamo il mondo
  In Campania 40mila volontari hanno ripulito circa 400 aree dai rifiuti abbandonati. Recuperati rottami di ogni genere come materassi, mobili,...
Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.