Spiagge e Fondali Puliti 2016

Motorini, cartelli stradali, sedie, soprattutto pezzi di copertoni e involucri di materiali tossici usati da carrozzerie, bottiglie di plastica, cotton fioc, filo e ami da pesca, mozziconi di sigaretta. Un ricco bottino di rifiuti, riempiti un centinaio di sacchi di ogni tipo, quelli recuperati dai tanti volontari di Legambiente che in questo week end hanno partecipato in oltre 30 località della Campania a Spiagge e Fondali Puliti di Legambiente.

Dalla pulizia dei fondali del porto di Torre del Greco dove sono stati ritrovati in fondo al mar due carcasse di motorini, 35 pneumatici, 20 computer e altri dispositivi elettronici alla pulizia speciale dei fondali di località Foce nei fondali nel fiume Sarno dove i volontari di Legambiente hanno portato in superficie contenitori di plastica e polistirolo, sedie, due cartelli stradali, mozziconi di sigaretta ma soprattutto pezzi di copertoni e involucri di materiali tossici usati da carrozzerie. Altre iniziative si sono svolte  in località Campolongo presso la Marina di Eboli, all’oasi Torre di Mare di Paestum al Lungomare Amendola di Maiori; sulle spiagge di Pontecagnano e Battipaglia e al Litorale di Bagnara a Castel Volturno (CE).

Spiagge e Fondali Puliti

 

In occasione di Spiagge Pulite Legambiente ha presentato i risultati dell’indagineBeach litter” che ha monitorato nel mese di maggio 16 spiagge campane: un’area complessiva di circa 30600 mq, l’equivalente di 240 campi di beach volley dove sono stati rinvenuti 9184 rifiuti spiaggiati  con una media di 574 rifiuti ogni 100 metri nelle aree monitorate. E anche quest’anno la regina indiscussa dei rifiuti spiaggiati sulle spiagge campane rimane la plastica con il 69%, per un totale di oltre 6300 rifiuti scovati durante l’indagine. Altro triste primato, quasi la metà (il 45%) dei mozziconi di sigarette trovati nelle spiagge italiane sono stati scoperti in Campania.

“La lista delle schifezze abbandonate che possono rovinarci il gusto di una bella passeggiata al mare è molto lunga. Un’aggressione continua e insopportabile ai danni del nostro mare e delle nostre coste cui è impossibile rimanere indifferenti. Tre giorni di grandi pulizie perché il mare e le spiagge non sono terra di nessuno, ci appartengono – commenta Antonio Gallozzi, direttore Legambiente Campania -. Il senso di questi giorni di grandi pulizie sta proprio nel ribadire la necessità di impegnarci tutti in un’operazione concreta che deve diventare quotidiana e sistematica: raccogliere e smaltire tutti i rifiuti in maniera differenziata. Con Spiagge Pulite – conclude Gallozzi – prende il via l’estate di Legambiente all’insegna di tante iniziative, campagne, mobilitazioni per proteggere il mare, le coste, le spiagge dalle insidie dell’inquinamento e dell’illegalità”.

 

Articoli correlati

Articoli
Il Vesuvio continua a bruciare: sono fiamme criminali
#Articoli
Articoli
Il Vesuvio continua a bruciare: sono fiamme criminali
Da giorni il Vesuvio brucia ma siamo davanti ad una sfida impari: sotto l’odore acre degli alberi incendiati, c’è la puzza insopportabile del...
Articoli
La green economy come strada per l’uscita dalla crisi
#Green society
Articoli
La green economy come strada per l’uscita dalla crisi
SAM-Smart Ambiente Mediterraneo e CRdC Tecnologie, in collaborazione con Legambiente Campania, presentano la prima edizione un bando rivolto a...
Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.