Cemento selvaggio, ora dalle parole ai fatti

Non esiste l’abusivismo che non danneggia. Il presidente De Luca dia subito un segnale concreto procedendo gli immobili nelle aree vincolate. Le sue parole altrimenti  rischiano di trasformarsi in un implicito assenso ai chi vuole continuare a devastare questa regione.

 

“Non esiste l’abusivismo che non danneggia nessuno. Le parole del presidente De Luca rischiano di diventare un boomerang e un implicito avallo agli speculatori che sperano da sempre in una nuova sanatoria, con betoniere del cemento illegale che di certo non si sono fermate neanche quest’estate. La Regione dimostri quindi che è seriamente intenzionata a risolvere finalmente il problema dell’abusivismo edilizio: si abbattano subito i manufatti nelle aree vincolate, che rappresentano la gran parte degli abusi in Campania. Dopodiché si può precedere con serietà e d’intesa con le amministrazioni comunali per le aree da recuperare secondo quanto già prevede la legge”

Così Anna Savarese, vicepresidente di Legambiente, commenta le dichiarazioni rese oggi ai microfoni di Radio 24 dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sul tema della sanatoria degli abusi edilizi.

“Siamo sicuramente favorevoli a mettere mano al problema dell’abusivismo edilizio con l’unico obiettivo che si eviti di perpetuarlo così com’è stato fatto in questi decenni con la complicità della classe politica – aggiunge Savarese – . Non siamo però d’accordo sulle modalità suggerite dal presidente De Luca e pur apprezzando l’atteggiamento di tutela rispetto ai vincoli di salvaguardia presenti, vogliamo ricordare al governatore che già il primo condono dava la possibilità del recupero urbanistico degli insediamenti abusivi, entro un quadro di convenienza economica e sociale e tenendo conto della realizzazione di una adeguata urbanizzazione primaria e secondaria. Non solo è quindi necessario rispettare gli interessi di carattere storico, artistico, archeologico, paesistico, ambientale, idrogeologico ma anche realizzare un razionale inserimento territoriale ed urbano dell’insediamento. Se tutto questo, coinvolgendo i comuni interessati, è possibile da realizzare saremo i pronti a schierarci a favore di quest’azione, ma se il rischio sanatoria tout cour perdura, dando di fatto un implicito assenso agli abusivi di proseguire nella devastazione del territorio, la nostra battaglia sarà ferma e decisa”.

In Campania, come dimostrano i dati dell’ultimo rapporto Ecomafia di Legambiente, l’intreccio tra camorra e politica è infatti ancora un impasto di cemento. La Campania si conferma a livello nazionale la regione più sfregiata dal mattone selvaggio con 835 infrazioni, il 14,5% sul totale, con 1.020 persone denunciate, tre arresti e 260 sequestri. Licenze edilizie fantasma, ordinanze di demolizione nascoste nei cassetti, piani regolatori e appalti truccati, abusivismo: un assegno in bianco da mettere nella cassaforte dei clan e una manna per i colletti bianchi del mattone.

Articoli correlati

Articoli
Librerie di classe
#Articoli
Articoli
Librerie di classe
Nuova iniziativa di Legambiente per promuovere la lettura: donate Libreria in cartone riciclato 100% a Istituti Superiori della periferia di...
Articoli
Solofra in ginocchio per il maltempo
#Dissesto idrogeologico
Articoli
Solofra in ginocchio per il maltempo
È fondamentale far partire un programma nazionale di manutenzione e prevenzione. Firma subito anche tu la petizione “Mettiamo in sicurezza il...
Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.