Liberi dall'amianto 2015

Al bando da 23 anni ma continua ad uccidere: l’amianto causa in Italia 4mila decessi ogni anno. Enormi i ritardi negli interventi di bonifica.

In occasione della  X giornata mondiale delle Vittime dell’amianto, mercoledì 29 aprile, vogliamo portare l’attenzione sull’attuale situazione in tema di interventi e bonifiche. A 23 anni dalla sua messa al bando, l’amianto è ancora diffusissimo, in diverse forme, sul nostro territorio: le stime (per difetto) di CNR-Inail parlano di ben 32 milioni di tonnellate; il Programma nazionale di bonifica del Ministero dell’Ambiente conta 75mila ettari di territorio in cui è accertata la presenza di materiale in cemento amianto. Pochissimi gli interventi di bonica realizzati. Ogni anno in Italia muoiono ancora 4mila persone a causa della fibra killer. Leggi tutto

Facciamo appello al Governo affinché si impegni concretamente per avviare al più presto le bonifiche dei siti industriali e la rimozione dell’amianto dagli edifici ancora contaminati.

scarica il dossier 

 

 

APPROFONDIMENTI

  • Inchiesta de La Nuova Ecologia “Assedio silenzioso” >qui
  • Agevolazioni fiscali per lo smaltimento dell’amianto (a cura di AzzeroCO2) >qui

 

 

 

Articoli correlati

Articoli
I dati del bracconaggio in Campania
#Articoli
Articoli
I dati del bracconaggio in Campania
In Italia negli ultimi sette anni, dal 2009 al 2015, ogni giorno sono state registrate 20 infrazioni contro la fauna selvatica, denunciate 16,5...
Articoli
Global strike for future, Legambiente in piazza per difendere il clima
#Cittadinanza attiva
Articoli
Global strike for future, Legambiente in piazza per difendere il clima
Legambiente scende in piazza per difendere il clima: in 108 città italiane i giovani e i volontari dell’associazione sfileranno insieme a studenti...
Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.