Animali in città

Circa 130mila cani presenti nei canili convenzionati in Campania per un costo di 66milioni in cinque anni, pari a 16mila euro costo medio per animale in condizioni disagiate. Legambiente chiede una forte azione per fermare il randagismo, lancia la sfida a Comuni e Regione per raddoppiare l’anagrafe canina in un anno, con un risparmio in termini economici e moltissime meno sofferenze per gli animali.

“I dati fotografano una Campania tra luci ed ombre in materia di animali d’affezione e prevenzione del randagismo a ben 23 anni dalla legge quadro 281/91: sono circa 500mila i cani iscritti all’anagrafe Regionale, su una popolazione canina di circa 1.000.000 cani. Circa 130.000 cani si trovano nei canili municipali o convenzionati con un costo per i Comuni di circa 66 milioni di euro nel solo quinquennio 2007/2011. Ci sono realtà dove il sistema delle adozioni è avanzato, mentre in altre l’unica soluzione praticata rimangono ancora i circa 80 canili della Campania dove siamo davanti ad con un costo medio per l’intera vita dell’animale di oltre 16.000 euro, e dove spesso l’animale vive in condizioni disagiate”.

Legambiente presenta alcuni dati regionali sui servizi e attività dei Comuni delle ASL per la tutela e la gestione degli amici a quattro zampe, lustrando alcuni aspetti della situazione regionale nell’ambito delconvegno Animali in Città,  promosso da Legambiente con il coinvolgimento dell’Università Federico II e del CRIUV (Centro di riferimento Regionale di Igiene Urbana Veterinaria).

“Chiediamo – ha dichiarato Michele Buonomo, presidente regionale Legambiente – una forte azione per fermare il randagismo, con più città a dimensione delle persone che vivono insieme ai propri amici animali e lanciamo la sfida ai Comuni e alla Regione affinché si raddoppi l’anagrafe canina in un anno, una sfida che permetterebbe un grande risparmio in termini economici e meno sofferenze per gli animali. E’ necessario che i Comuni facciano concrete politiche di contrasto all’abbandono, obbligando all’iscrizioni all’anagrafe canina, politiche che riducano i costi e per questo si necessita modifiche alla stessa Legge Regionale “sul randagismo” che individui con chiarezza le responsabilità tra enti locali ed Asl, al fine di contrastare il fenomeno”.

 

Articoli correlati

Articoli
Napoli, salviamo il teatro Trianon: no alla vendita di identità e cultura
#Beni culturali
Articoli
Napoli, salviamo il teatro Trianon: no alla vendita di identità e cultura
lo storico teatro napoletano pubblico di Forcella, il Trianon, testimonianza di una tradizione teatrale antica e fortemente sentita fra la gente,...
Articoli
Grazie ai sostenitori di Cap' e' Napule
Articoli
Grazie ai sostenitori di Cap' e' Napule
Vogliamo ringraziarvi per il contributo da voi dato alla raccolta fondi per la Chiesa di Sant’Aniello a Caponapoli. Come sapete i fondi sono...
Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.