Napoli, salviamo il teatro Trianon: no alla vendita di identità e cultura

lo storico teatro napoletano pubblico di Forcella, il Trianon, testimonianza di una tradizione teatrale antica e fortemente sentita fra la gente, sarà venduto all’asta. Cosa verrà dopo? Un supermercato, una sala giochi, una banca? Solo un’altra sconfitta per una “città d’arte” che vede chiudere cinema, librerie, piccoli negozi d’artigianato per far posto a megastore, patatinerie, fastfood.

Il vincolo di destinazione e quanto chiediamo con un appello, insieme ad associazioni culturali e ambientaliste,  alle soprintendenze competenti per i beni Architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici ed e ai Beni archeologici.

Il vincolo è la prima misura attiva per scongiurare la chiusura definitiva del teatro a vantaggio di discutibili operazioni speculative e garantirne la fruibilità pubblica.

 

Firma anche tu l’appello su change.org

Articoli correlati

Articoli
Com’è andato il Civil Hub – Scuole di comunità?
#Approfondimenti
Articoli
Com’è andato il Civil Hub – Scuole di comunità?
Lo scorso 22 aprile si è concluso il progetto Scuole di comunità Civil hub che promosso da Legambiente Campania e Libera in collaborazione...
Articoli
Spiagge indifese, dati e storie dell'erosione costiera
#Acqua
Articoli
Spiagge indifese, dati e storie dell'erosione costiera
Legambiente presenta il dossier Spiagge indifese, una fotografia dello stato di salute delle coste italiane e, in particolare, dei processi di...
Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.