Stop al carbone: fermiamo le centrali più inquinanti d’Italia

Il futuro energetico italiano non passa dal carbone. Chiediamo la moratoria contro la costruzione di nuovi impianti e l’introduzione di una carbon tax sulle centrali.

centrale_carbone_9

Riparte con un blitz dalla Ligura, regione che ospita tre centrali termoelettriche (La Spezia, Genova, Vado Ligure), la campagna di Legambiente contro la fonte energetica più inquinante e meno efficiente: il carbone.

Il carbone è, tra le fonti fossili, quella che per la produzione di energia emette più CO2 (più del doppio del gas naturale, ad esempio), oltre a rilasciare molte sostanze dannose per la salute (arsenico, cadmio, cromo, mercurio, polveri sottili). In più, oggi non esiste alcuna ragione economica o ambientale per continuare a utilizzare il carbone in Italia grazie alla continua crescita delle rinnovabili: il loro contributo rinnovabili nei primi 8 mesi del 2013 è stato parti al 40,5% della prodzione netta e al 35,7% della domanda nazionale. Il nostro paese deve proseguire sulla strada di un modello energetico che riduca la domanda di energia, lavorando sull’efficienza, e avvicini l’offerta attraverso le fonti rinnovabili più adatte per i territori, gli edifici, le imprese.

Per questi motivi chiediamo:

  • una moratoria una moratoria, con lo stop di tutti i progetti di costruzione e ampliamento di centrali a carbone;
  • l’introduzione di una carbon tax sulle centrali sulla produzione termoelettrica basata sulle emissioni di CO2;
  • l’intervento immediato sulle bollette tagliando la spesa di oltre 5 miliardi di euro tra sussidi alle fonti fossili, oneri impropri, sconti in bolletta ai grandi consumatori di energia elettrica;
  • il sostegno sia alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente che a tutte le forme di autoproduzione di energia elettrica e termica.

Il dettaglio dei dati alla base delle nostre richieste nel dossier “STOP AL CARBONE. Le ragioni di una campagna”.

Approfondimenti:

– Dossier “Stop sussidi alle fonti fossili” (2012)
– Comunicato No al carbone (2012)
– Dossier “Carbone: un ritorno al passato” (2010)
Files

Articoli correlati

Articoli
Comuni ricicloni Campania
#Rifiuti
Articoli
Comuni ricicloni Campania
È Airola, comune beneventano di oltre 5mila abitanti, con il 87% di raccolta differenziata e 90,03 indice IPAC, il “Comune Riciclone Campano”...
Articoli
Terremoto a Ischia, urgente la messa in sicurezza dei territori e lo stop...
#Articoli
Articoli
Terremoto a Ischia, urgente la messa in sicurezza dei territori e lo stop...
Il nostro primo pensiero è rivolto ai familiari delle vittime e alla comunità ischitana. In queste ore di dolore, seppure di fronte a una calamità...
Diventa Socio,
iscriviti a Legambiente.

Iscriviti alla nostra Newsletter.
Rimani sempre aggiornato sulle attività di Legambiente.

Aggiungendoti alla nostra mailing list sarai sempre informato sui nostri progetti e potrai seguire per primo tutti i progressi fatti insieme.